San Gregori

San Gregori

Una quei voelta ta sarà capitaa da pasà da San Gregori,
l’è quela geseta bianca sura ul cimiteri, un uratori.

Da scapada tavr’et vist i capelett pituraa,
la geseta l’è lì, in fund al praa.

Al so minga da quanti ann, ma so che mila e mila an fa
gh’era un quei vunn che già nava lì a pregà.
Quand camini sul verd pra dal sagraa
e tutt i culur in bei e i fiur in prufumaa
alura se sari i oecc poss vedei,
ghè chi prega ghè chi pianc, in tutt i nost fradei.

Sota, sota ul mantell verd dal pra
un quei d’unn amò l’è lì a riposà
e la lingera tera e i fiur culura
ga fan cumpagnia sota ul ciel duraa.

I paret i sa scrustan, i capelett han perdu Sant e Madonn,
la fed l’è nada a fas benedì e ul marmu l’ha fregaa un omm.

Lu però al specia, l’Eternu l’è pazient, al sa che turnaremm,
la porta la sa dervarà e gran festa faremm.

Donato Vicini


San Gregorio

Qualche volta ti sarà capitato di passare da San Gregorio,
è quella chiesetta bianca sopra il cimitero, un oratorio.

Distrattamente avrai visto le cappelline della Via Crucis,
la chiesetta è lì in fondo al prato.

Non so da quanti anni ma so che mille e mille anni fa
c’era qualcuno che già andava lì a pregare.
Quando cammino sul verde prato del sagrato
e tutti i colori sono belli e i fiori profumati,
allora, se chiudo gli occhi li posso vedere,
c’è chi prega, chi piange, sono i nostri avi.

Sotto, sotto la coltre verde del prato
qualcuno riposa ancora.
e la lieve terra e i fiori colorati
gli fanno compagnia sotto un cielo dorato.

Le pareti si scrostano, le cappelline hanno perso i Santi e le Madonne
la fede è andata a farsi benedire e i marmi li hanno rubati.

Lui però aspetta, l’Eterno è paziente, sa che ritorneremo.
La porta si riaprirà e allora gran festa sarà.

Donato Vicini

Foto Riccardo Caldirola
Video Marcello Corti